Trattamenti Reiki – il tocco energetico per il riequilibrio psico fisicotrattamenti reiki

Reiki è un modo di vivere, un mezzo per relazionarsi al mondo in maniera più consapevole e naturale. Ricevendo regolarmente trattamenti Reiki -sia da operatori che come auto trattamenti- è possibile lavorare attivamente per la risoluzione di problematiche emozionali quali ansia e stress, per poter ritrovare la calma e serenità necessarie per costruire il proprio percorso di realizzazione.

Cosa è Reiki

reiki

Reiki è un percorso, il cui scopo è riprendere contatto con la propria energia interiore, in armonioso rapporto a quella esterna.

Il termine Reiki indica sia un’energia, quanto una tecnica.

La sillaba REI descrive l’aspetto universale ed illimitato dell’energia; KI è la forza vitale propria di ogni singolo essere vivente (conosciuta anche come prana). Scopo del  Reiki è riallineare questa polarità energetica, così da attivare un personale processo di evoluzione naturale. Reiki è un serbatoio energetico infinito a cui possiamo attingere liberamente ogni volta che lo desideriamo.

Potrebbe sembrare una descrizione strana, ma prova a pensare: quante volte capita di rigenerarsi semplicemente osservano un paesaggio naturale, il sole all’alba o al tramonto? Sdraiarsi su di un prato, passeggiare nei boschi: sono tutte esperienze semplici, immediate, gratuite, che mettono in contatto con energie illimitate ed inesauribili; energie in grado di nutrire il nostro sistema psicofisico, portando calma, serenità e benessere.

Reiki è l’energia contenuta nella natura, una forza che continuamente si trasforma ed entra in contatto con gli esseri viventi.

Visto come tecnica,  Reiki permette di apprendere metodi semplici ed immediati, mirati ad allineare il proprio aspetto fisico, emotivo e spirituale. Imparare come eseguire trattamenti Reiki permette di indirizzare volontariamente l’energia naturale così da sciogliere blocchi e superare limiti.

Chiunque può ricevere un trattamento Reiki; per poterlo eseguire (diventando operatore) è necessario frequentare dei seminari. Generalmente, il processo di formazione è diviso in 3 livelli, e già dal primo si diventa un operatore in grado di poter effettuare trattamenti Reiki sia a se stessi che agli altri.

Reiki: i vari stili

Da che è stato codificato nel 1922 da Mikao Usui, Reiki ha subito varie evoluzioni lungo il suo percorso di crescita. A partire dal medesimo concetto di energia universale, si sono sviluppate visioni complementari e tecniche ulteriori, che hanno generato attorno al Reiki un vero e proprio mondo da scoprire e sperimentare.

Riporto in seguito i metodi che seguo e che tramando; se ti interessa approfondirli, puoi trovare degli articoli che spiegano la struttura e la filosofia dei diversi stili.

Usui Shiki Ryoho – Reiki tradizionale metodo Usui

Komyo Reiki

Advanced Reiki – corso avanzato per operatori

Reiki Universale

Come funzionano i trattamenti Reiki?reiki trattamento

I trattamenti Reiki sono semplici ed allo stesso tempo molto completi. Il ricevente generalmente è sdraiato, vestito, mentre l’operatore Reiki si muove lungo il corpo della persona, appoggiando le mani su aree del corpo specifiche. I trattamenti Reiki avvengono attraverso il tocco, grazie al quale l’energia vitale universale può fluire dall’operatore (che funge da canale) al ricevente.

Durante il trattamento, l’energia dell’operatore non viene intaccata, dal momento che si attinge ad una fonte esterna inesauribile. Non solo, ma chi esegue un trattamento riceve in contemporanea i benefici come se lo stesse ricevendo a sua volta. E’ come se si fosse al di sotto di una cascata: l’energia che scorre prima di tutto ripulisce e nutre l’operatore, che a sua volta convoglia il resto di questa “cascata” sull’altra persona.

Nel Reiki è presente l’auto-trattamento: è sempre possibile (nonché altamente consigliabile) utilizzare Reiki direttamente su se stessi, per sostenere il proprio benessere personale.

Una delle caratteristiche peculiari del Reiki, è che i trattamenti possono essere eseguiti anche a distanza: non è necessario che il ricevente e l’operatore siano fisicamente a contatto.

Reiki non è un massaggio

Come già anticipato, il trattamento si riceve vestiti (al massimo togliendo scarpe ed oggetti di metallo); non vendono utilizzati oli né creme, e non si eseguono manovre di mobilitazione articolare né di drenaggio. Il tocco è un semplice appoggio per permettere il passaggio del calore attraverso le mani (tra le altre cose, non sempre è necessario poggiare direttamente le mani sul corpo del ricevente; si possono tenere staccate di qualche centimetro): non si eseguono pressioni né stiramenti.

Cosa ottengo da un trattamento Reiki?reiki trattamento

Reiki parte dal concetto che qualsiasi squilibrio tu stia vivendo, questo ha una causa sottile, energetica che lo ha generato. Ancor prima di essere un fastidio fisico, la malattia è stata un pensiero, aspetti che non si sono voluti vedere o che si sono negati a priori; emozioni che si è fatto finta di non provare, rimuovendole ed allontanandole. Tutto questo genera una situazione di blocco, che deve scaricarsi. Da qui derivano tutti i problemi, grandi o piccoli, cui si può andare incontro.

Reiki riequilibra questi aspetti, riportando il giusto movimento e la fluidità tra le energie mentali, emotive e fisiche. Aiuta a liberare le emozioni bloccate, a comprendere gli schemi che vengono applicati, in modo da trasformarli e scioglierli.

A livello fisico, si può avvertire una forte sensazione di calore in alcune aree del corpo, un senso generale di rilassamento e tranquillità.

Quello che hai letto ti ha incuriosito e vuoi sperimentare dei trattamenti Reiki, oppure intraprendere un percorso di crescita e formazione? Qui puoi trovare i contatti per ulteriori informazioni, e qui le date dei prossimi incontri in programma.