Le leggi dell’abbondanza

Percorsi di sviluppo nella legge dell’attrazione

Le leggi dell’abbondanza sarà il tema trattato durante la serata in programma per il 15 novembre, ore 20.45, presso l’associazione “Jivana” di Monza (via Magenta 9).  Concetti e pratiche quotidiane per capire come generare benessere e pienezza nella propria vita.

Clicca qui per informazioni e prenotazioni.

le leggi dell'abbondanza

.

Cosa è abbondanza?

L’abbondanza non è solo un risultato economico, ma uno stato dell’essere. Vivere l’abbondanza permette di godere totalmente di quello che sperimentiamo, di accogliere costruttivamente gli avvenimenti per usarli a nostro vantaggio.
L’abbondanza è il poter chiedere di più con la tranquilla certezza di poterlo ottenere e meritare.

Viviamo in un mondo strutturato sull’abbondanza, per quanto schemi e limiti (auto)imposti possano troppo spesso far credere che non sia così.
La natura e l’universo sono fonti principale di abbondanza, e l’uso delle regole dell’abbondanza sono SEMPRE dirette a pescare da questo infinito serbatoio di opportunità e potenzialità.
Ancor prima di chiedere denaro, è fondamentale imparare a comprendere e vivere l’abbondanza in tutti i campi della nostra vita.

Cosa riduce l’abbondanza?

Riconoscere l’abbondanza attorno a noi è il punto di partenza fondamentale: come si potrebbe avere di più se intimamente si dovesse credere che le risorse siano scarse e che non ce ne siano a sufficienza per tutti?

legge attrazione abbondanza limitiSe l’abbondanza non si manifesta in maniera adeguata, è perché si è scelto di seguire la strada del limite: convinzioni, educazione ricevuta, persone che frequentiamo possono averci trasmesso concetti e sensi di colpa in grado di creare barriere e limitazioni.

Oltre a questo, troppa energia viene dispersa in giudizi, rimpianti ed invidie: prima di nuocere agli altri, questi comportamenti ledono chi li mette in atto, bloccando il processo di crescita e di sviluppo.

Quando si è troppo intenti a giudicare l’operato altrui, non si sta portando attenzione ed energia verso il proprio percorso di crescita.

Come generare abbondanza?

Come in tutta la legge di attrazione, affinché si generi abbondanza è necessario FARE. Questo concetto deve essere ben presente: senza una o più azioni concrete, il pensiero rimane nel piano della mente, e non riuscirà facilmente a manifestarsi nel concreto. Il fare non è lottare contro il destino: è una azione consapevole, mirata all’obiettivo che ci si è preposti di ottenere. Non è distruggere, ma è costruire.

Tecniche valide possono essere visualizzazioni attive, frequentare persone e gruppi in grado di dare informazioni evolutive, lo studio personale, attraverso libri e video motivazionali: tutti questi sono ottimi strumenti per poter mantenere alte le frequenze energetiche.

Eliminando la maggior parte dei processi che creano limiti, sarà possibile dare più energia alla costruzione del nostro futuro e benessere. I limiti sono come le nubi che impediscono al sole di risplendere e portare luce: mano a mano si andranno a ridurre questi ostacoli, tanto più sarà facile accogliere i doni dell’abbondanza.

Abbondanza = soldi?

legge attrazione abbondanzaSpesso si associano le leggi dell’abbondanza ad un mezzo per guadagnare maggiormente: è importante tenere a mente che il denaro altro non è che una forma di energia condensata.

Grazie ad azioni e sforzi compiuti, si riceve in cambio  denaro che potrà essere usato in un secondo tempo per soddisfare bisogni (di qualunque natura essi siano). Così è come se, invece che lavorare per la soluzione diretta di un bisogno, risolvessimo altro guadagnando i mezzi per fare attuare quanto realmente necessitiamo. I soldi diventano così un ponte, energia fluida che passa da una situazione ad un’altra.

E’ quindi importante considerare l’abbondanza in tutte le forme che può assumere nella nostra vita: vedere solo quello materiale, è pur sempre un limite!

Alcuni testi di approfondimento:

S. Wilde: Le leggi dell’abbondanza, Macro Edizioni

A. Robbins: Come Migliorare il proprio stato Mentale, Fisico e Finanziario, Bompiani

One thought on “leggi dell’abbondanza: l’attrazione all’opera”

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *